RAS MOHAMMED: CHE SPETTACOLO!!!!

Fattici assolutamente portare da Battista!

tutti i contatti di Battista nel Blog:
inserisci BATTISTA nel campo SEARCH in alto a destra

STASERA ANDIAMO ALL’ALADIN CASINO’ DEL DOMINA CORAL BAY??

UN TRAGICO FATTO DI CRONACA

(ANSA) – SENIGALLIA (ANCONA), 2 LUG – Cinque milioni di euro al tour operator che organizzo’ la vacanza e l’escursione fatale.

E’ il risarcimento danni chiesto dai familiari delle vittime dell’incidente di Sharm el Sheik che il primo novembre 2007 costo’ la vita a un’intera famiglia di Senigallia. La richiesta e’ stata presentata dai legali per conto di xxx xxxxx all’epoca 10 anni, unico superstite assieme allo zio xxx xxxx. Il bambino nella tragedia perse i genitori, il fratellino di 7 anni, i nonni paterni; lo zio perse la moglie. Il minibus sul quale viaggiavano i senigalliesi, che stavano tornando da una gita, fu investito in pieno da un camion proveniente dalla direzione opposta. (ANSA)

Mi riallaccio a una notizia battuta oggi dall’Ansa. Un tragico incidente sulle strade egiziane. Il lettore che conosce poco l’Egitto si chiederà per quale motivo i familiari non chiedano i danni all’assicurazione del camionista. Semplice anche se drammatico. In Egitto solo i taxi hanno l’obbligo di essere assicurati!
Siccome immagino te, mio affezionato lettore, che scuoti la testa dicendo “Roba da matti” mi permetto di ricordarti che in Italia l’obbligo di assicurazione dei veicoli a motore è tale solo dal 1970!! Prima di quella data anche in Italia l’assicurazione era facoltativa! E ti assicuro che l’Italia del 1970 era messa parecchio meglio dell’Egitto di oggi!

Quindi è consigliabile fare un’assicurazione prima di partire, generalmente offerta da tutti i tour operator

Riporto un commento interessante: l’assicurazione e’ obbligatoria anche su tutte le auto nuove acquistate tramite finanziamento, ovvero almeno il 60% delle auto che girano a Sharm e anche una volta chiuso il finanziamento l’assicurazione deve essere mantenuta.. chi ti ha detto che solo i taxi hanno l’assicurazione?

Evidentemente le cose stanno cambiando! Resta che il 40% delle auto non è assicurato a quanto pare. Non è poco! Grazie della correzione!

GOLF ALL’INSEGNA DEL LUSSO A EL GOUNA


«Il design del golf e lo sviluppo della facciata possono coesistere in armonia senza il bisogno di compromettere uno per l’altro». Un proposito che ben si addice a Karl Litten, designer di campi da golf tra i più famosi al mondo: la naturale topografia del luogo configura perfettamente i suoi progetti al paesaggio circostante, che sia lo Cheval Country Club, a Tampa, in Florida o l’Emirates Golf Club, a Dubai, l’analisi attenta per la planimetria del terreno e delle caratteristiche ambientali sono sfruttate al meglio per esaltare il contesto in cui si va a operare.

Con viste incredibili sulla laguna, sul mare e sulle montagne, anche l’Ancient Sands Golf Course attesta in modo tangibile la sua maestria; altro obiettivo di Karl Litten è rendere il campo accessibile a tutti, professionisti e amatori, ognuno col proprio livello di golf. Opportunità unica per coniugare un perfetto equilibrio all’estetica del campo ed esperienza indimenticabile per chi vi gioca: «Il design dei fairways duali aumenterà l’esperienza del golf e di conseguenza il valore del prodotto residenziale».

«El Gouna è il luogo perfetto per godersi la vita come andrebbe vissuta»; l’incipit, indubbiamente, coglie nel segno per l’intero complesso residenziale, il cui set comprende anche l’hotel (Ancient Sands), con reception e suite d’accoglienza, gli appartamenti residenziali e le ville, il Business Center, The Children’s Club, il Golf Shop Pro Shop, la palestra, il centro Spa e di fitness, ristoranti, bar e a breve ci sarà un attracco per yacht.

Le propietà più eleganti si trovano direttamente nel campo di golf di 18 buche, prospiciente alla laguna azzurra; una sorta di specchio d’acqua poco profondo, assolutamente naturale, come avviene di solito per le baie del Mar Rosso, con il distacco dalla spiaggia al reef roccioso, in cui nuotano pesci variopinti. Accanto alla piazza che si leva in cima a una collina, sono disseminati il centro Spa, le piscine, i ristoranti, i bar alla moda e la struttura adibita al campo da golf.

Altri alloggi sono stati edificati presso l’Hilltop Village, con due o tre camere e godono tutti di una vista eccezionale sul Mar Rosso, sulla laguna e sulle alture che si stagliano di là dal deserto.

Per le rifiniture e gli arredi interni, gli acquirenti saranno seguiti esclusivamente da Karim Mekhtigian e Risa Kato del famoso studio di progettazione d’interni Alchemy, a Il Cairo. Nella personalizzazione degli interni tre sono i temi da cui attingere materiali e ispirazione: Cool White, Classico Moderno, Yacht.

ARRESTATO IN EGITTO

Qualcuno di voi magari sta pensando di fare il furbetto in aeroporto. Ma essere arrestati in Egitto non credo sia molto simpatico. Ricordate che anche tentare di portare via corallo può causare grossi problemi! Innanzi tutto è poco ma sicuro che perdereste l’aereo e che dovreste pagare un nuovo volo di ritorno per rientrare. In secondo luogo si rischiano multe molto pesanti. La multa va pagata in contanti e subito. Se non avete con voi i soldi verrete trasferiti al carcere, poi dovrete trovare un avvocato che magari non parla neppure l’inglese, aspettare che un giudice vi processi, pagare la multa inflitta dal giudice, e finalmente potrete ripartire. Vi assicuro, il gioco non vale la candela! Se non avete il contante non ci sono grossi problemi: chiamate il console e vi fate anticipare la somma che poi dovrete restituire in Italia.

INSOMMA: CAZZI AMARI!
LASCIATE IL CORALLO DOVE STA, DATEMI RETTA!

Egitto: arrestato mentre tenta di esportare 75 scorpioni

Egitto. I doganieri dell’aeroporto della capitale egiziana Il Cairo, hanno arrestato il rappresentante di una compagnia di esportazioni di Gizah dopo aver scoperto 75 scorpioni nascosti in un piccolo cuscino, in mezzo ad altri prodotti egiziani che dovevano partire in aereo. Si tratta di animali di una specie rara, che, secondo l’arrestato sarebbero stati destinati ad un centro di ricerca medica in Germania. Gli scorpioni sono stati sequestrati e l’uomo denunciato per violazione delle leggi sull’esportazione e per “esposizione a pericolo della vita altrui.
…E ANCHE GLI SCORPIONI!