GIOVANI TENNISTI ITALIANI CRESCONO!!!

//
//

E’ terminato il torneo giovanile internazionale ITF Under 18 Egypt 1 Junior Tournament maschile e femminile, nel quale erano impegnati gli atleti sassolesi dello Sporting Giulio Mazzoli, Lorenza Stefanelli, Marta Bellucco e Nicolo’ Baracchi.

Ecco i risultati delle finali disputate:

LORENZA STEFANELLI è salita sul gradino più alto del podio vincendo la finale del tabellone femminile di singolare sconfiggendo l’egiziana Mai El Kamash testa di serie numero uno in due set per 6/2 7/6.

Nelle gare di doppio, la coppia formata da GIULIO MAZZOLI e LUCA PANCALDI ha vinto la finale dopo una partita sofferta conclusasi col punteggio di 6/4 6/7 10/4 al tie break del terzo set.

Nel tabellone femminile invece, MARTA BELLUCCO e LORENZA STEFANELLI hanno dovuto cedere il gradino più alto del podio alla coppia egiziana Ebada/El Kamash che si è aggiudicata la finale con il punteggio di 6/4 6/3.

LA MAREA NERA DEL MAR ROSSO. NOVITA’ PREOCCUPANTI?

La vicenda della marea nera del Mar Rosso è veramente sconcertante!
Chi mi segue da tempo sa che difficilmente mi sfuggono notizie sul Mar Rosso e sul Sinai.

A parte le notizie politiche sui conflitti israelo-palestinesi nei quali l’Egitto ha una parte determinante e le numerose notizie di politica interna egiziana, sul mio piccolo blog avete sempre trovato quasi tutto quello che si può trovare in giro sull’Egitto. (escluse le migliaia di offerte più o meno last minute!) La scelta di non parlare di notizie politiche è una scelta ben precisa, non dovuta a mancanza di informazione!!! Credo di saperne più sulla politica egiziana che su quella italiana!

Tutto questo cappello solo per dire che mi sembra di essere super aggiornato!
Eppure, sulla marea nera di Hurghada tutti tacciono! Tutte le notizie apparse sul web le ho riportate, prendendomi anche critiche da gente che a Hurgada ci lavora e ha paura di perdere turismo. Li capisco e posso mettermi nei loro panni, anche se non credo che tacere sia giusto. Forse se la stagione turistica venisse danneggiata, il governo egiziano arriverebbe a capire che il turismo negli anni conterà più del petrolio!

Polemiche a parte, ho deciso di informarvi su tutto quello che trovo sulla marea nera egiziana e lo faccio anche questa volta

Ma siccome devo ammettere che la situazione non è per nulla chiara, mi limito a postarvi un link di un articolo apparso ieri nel web che parla dell’argomento

A voi le considerazioni in merito e a chi ha scritto l’articolo eventuali problemi!

ECCO IL LINK

Mi spiace di dover tenere un atteggiamento tipo Ponzio Pilato, ma di fronte a minacce di denunce per notizie false (fortunatamente ho sempre citato le fonti!) preferisco tenere un profilo basso almeno fino a che la faccenda non sarà chiarita e i media non incominceranno ad occuparsi della cosa! D’altra parte, il mio obbiettivo è di tenervi informati e postando i link voi vi aggiornate e io non rischio problemi che sinceramente non ho voglia di avere!

UNA DITTA ITALIANA PROPONE SOLUZIONE PER LA MAREA NERA!

PER CORTESIA, LEGGI QUESTO POST FINO IN FONDO E DAMMI UNA MANO A POSTARE IL LINK DI QUESTO FILMATO SU FACEBOOK!
PER FAVORE, CONTO ANCHE SU DI TE!!!

Un’azienda italiana potrebbe avere tra le mani la soluzione a tutti i problemi di inquinamento da petrolio! Un prodotto a base vegetale, in grado di disperdere nell’ambiente le fuoriuscite di petrolio, diluendolo e solubilizzandolo fino a farlo praticamente scomparire.

Qualcuno sostiene che disperdere il petrolio non lo fa scomparire, ma indubbiamente, visto che il danno è fatto, fare in modo che il petrolio venga diluito scongiurerebbe quanto meno la morte di migliaia di animali, la distruzione di interi tratti di costa (chi non ricorda il catrame che trovavamo in spiaggia?) e potrebbe essere comunque un importante passo in avanti alla soluzione del problema. Sicuramente una volta che la concentrazione del petrolio fosse diminuita, la natura potrebbe risolvere il problema grazie a microorganismi che metabolizzano il petrolio, ma non in concentrazioni elevate come quelle in presenza delle maree nere.

Insomma, la soluzione al problema potrebbe esserci! Facciamoci sentire su facebook, postiamo questo filmato ovunque, facciamolo girare, creiamo un caso di cui potrebbe interessarsi la stampa e fare in modo che almeno la proposta fatta da questa azienda venga valutata seriamente

SE ANCHE TU AMI LA NATURA, POSTA IL FILMATO DI YOUTUBE IN FACEBOOK
FACCIAMO IN MODO CHE GIRI, CHIEDETE AI VOSTRI AMICI DI CONDIVIDERE!!
SIETE IN 400 CHE MI LEGGETE TUTTI I GIORNI, SE TUTTI COMINCIAMO A POSTARE QUESTO FILMATO DUE O TRE VOLTE AL GIORNO CHIEDENDO DI CONDIVIDERE, NEL GIRO DI UNA SETTIMANA LA NOTIZIA POTREBBE AVERE UNA RILEVANZA TALE DA MOBILITARE I MEDIA
NON POSSIAMO FARE MOLTO DA SOLI, MA UNITI SIAMO UNA FORZA MICIDIALE GRAZIE AL POTERE DEI SOCIAL FORUM
FACCIAMOCI SENTIRE!!!

ECCO LA STRISCIA DA POSTARE SU FACEBOOK
SCRIVI UN MESSAGGIO, CLICCA SULL’ICONA CON I FOGLIETTI FERMATI DALLA PUNTINA (LINK) E INCOLLA LA STRISCIA QUI SOTTO. POI CLICCA SU ALLEGA E QUINDI SU CONDIVI

http://www.youtube.com/watch?v=gpDEq7jYfRI

NON SO SE IL SISTEMA DI QUESTA AZIENDA FUNZIONERÀ’, SO CHE VORREI CHE CHI DI COMPETENZA NE VALUTASSE CON SERIETÀ’ LA POSSIBILITÀ’