GIUSEPPE, MARIA E GESU’ IN SINAI E AL CAIRO

L’Egitto oggi luogo turistico e di cultura per eccellenza, è strettamente legato alla Sacra Famiglia, composta da Giuseppe, Maria e il neonato Gesù. L’occasione in cui arrivarono, secondo la tradizione, fu concitata e veloce in quanto era in corso la cosiddetta “strage degli innocenti” perpetrata da Erode proprio per uccidere il piccolo e per quattro anni, dopo essere partiti da Betlemme, i tre vi soggiornarono. La Bibbia non parla dei luoghi specifici che visitò, ma secondo la tradizione copta furono parecchi e oggi considerati al limite del sacro.

Secondo Teofilo, ad esempio, patriarca della Chiesa Copta intorno al 500, un sogno rivelatore gli svelò i posti che storicamente attraversò: Farma, nel nord del Sinai, fu uno di questi. Si tratta dell’antica Pelusio, un vecchio porto romano via d’accesso egiziana sulla pista carovaniera che proveniva dalla Giudea ed era frequentatissima. Attraversato il Delta, quindi, sarebbero arrivati a Sakha, vicino alla città di Kafr esh-Sheick e qui, addirittura, sembra che all’interno di una chiesa su una pietra si possa notare l’impronta del piede di Gesù. Mostorod, invece, si trova vicino alla città di Bilbeis, nella Chiesa della Vergine Maria sempre piena di turisti, soprattutto nel mese di agosto, perchè si ritiene che vi si siano fermati proprio i santi viaggiatori.

Un sobborgo mediorientale del Cairo, Matariya, invece, è la meta dove cresce l’albero della Vergine, un sicomoro nodoso, che sembra discendere direttamente da quello che accolse Maria che stava riposandosi. I pellegrini per secoli ne hanno staccato dei piccoli rami e oggi è ridotta ad una pianta striminzita in via di ricrescita. Ancora la Sacra famiglia, sarebbe arrivata a Babilonia, nell’odierno quartiere copto del Cairo e si sarebbe rifugiata in una grotta , adesso inglobata nella Chiesa di San Sergio. Nel quartiere periferico di Maadi, poi, si ritiene che sorga una chiesa che un tempo era una sinagoga posta sulle rive del Nilo, dalla quale i tre santi salparono per l’Alto Egitto. Tra questo luogo e Assiut, molti villaggi e costruzioni sacre sarebbero state frequentate dalla Sacra Famiglia, ma spesso leggenda e realtà si mischiano e rendono complesso discernere il vero dal falso.

IL DIPINTO E’ RIPOSO DURANTE LA FUGA IN EGITTO – CARAVAGGIO 1597

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: