DA DOMANI AL 10 SETTEMBRE SI SVOLGE IL RAMADAN

Ramadan è probabilmente la parola araba più conosciuta in occidente dove evoca privazioni e digiuno, sofferenza e sacrificio. Invece il Ramadan per molti aspetti ricorda il nostro Natale! Solo che dura un mese!!!
Il Ramadan è un periodo lungo un mese in cui i musulmani non possono ne mangiare, ne bere, ne fumare ne avere rapporti sessuali dall’alba al tramonto. Il primo e più evidente cambiamento che si percepisce, è un radicale cambiamento degli orari della giornata. Ci si sveglia il più tardi possibile, in modo da limitare le ore di digiuno. Le attività commerciali sono chiuse, in giro si vede poca gente, poco traffico, poche attività. All’avvicinarsi dell’imbrunire la vita rincomincia, le strade si animano. E dopo il tramonto c’è la festa. Festa fatta di famiglie che si riuniscono, parenti che si incontrano dopo mesi di lontananza. Le strade vengono addobbate come per il nostro Natale e per seguire i precetti del Ramadan, vengono fatte donazioni ai poveri e ai bisognosi. Chi è solo perché lontano dalla propria casa o perché non ha famiglia, viene invitato ad unirsi alla festa.

Durante il Ramadan si lavora di meno e si spende di più! Mentre le donne già dal primo pomeriggio cominciano a preparare le pietanze per la notte, gli uomini alternano momenti di lavoro a momenti di preghiera e di riposo.

A Sharm e nelle località turistiche il Ramadan ha un aspetto completamente diverso. Per vari motivi. Innanzi tutto business is business. In secondo luogo i ritmi del Ramadan si abbinano abbastanza bene ai ritmi di chi vive di turismo. I turisti cominciano a girare per negozi e locali prevalentemente dopo cena e fino alle 3 di notte. E infine il bel concetto che ha il Ramadan di festa familiare nelle località turistiche non ha molto senso in quanto la stragrande maggioranza dei lavoratori di Sharm sono ragazzi o giovani uomini che hanno la famiglia al Cairo o ad Alessandria. L’elevatissimo tasso di disoccupazione in Egitto costringe questi ragazzi a spingersi fino alle località turistiche, dove lavorano per mandare soldi a casa. Lavorano per cifre assolutamente irrisorie per noi! Lo stipendio medio è di 150-200 euro al mese! (AL MESE!) oltre a vitto e alloggio. E questi ragazzi con una cifra del genere riescono addirittura a mandare soldi a casa. Quando ci pesa lasciare 1 misero euro di mancia, pensiamoci!

Ecco una piccola testimonianza di chi a Sharm ci vive:

ciao Marco,
stavo ripensando a tutti i Ramadan, passati a Sharm e quelli al Cairo!!!
Il primo anno ero alla prima esperienza di lavoro all’estero e per di più con persone non della mia cultura, cosa di per se già difficile per un occidentale. Ricordando che in Egitto siamo comunque ospiti, devo ammettere che affrontare colleghi ed amici che si preparano a 40 gg di privazioni, non è una cosa facile.
Mi ricordo il mio amico Adel, impareggiabile massaggiatore, che con il suo italiano romanizzato, dato che era fidanzato con una romana, mi spiegava per la prima volta questa  usanza, da loro tanto attesa per espiare i loro peccati e ricordarsi che Allah è grande e tutti siamo uguali a questo mondo.

Tutte le mattine si scusava per il suo alito cattivo , spiegandomi che i primi 3gg sono i più duri per il corpo, dato che si disintossica.
Io non capivo questa cosa che mi sembrava una “barbarie”, ma quando vedevo il sorriso nei volti dei miei colleghi che mi rincuoravano , cercavo nel mio animo di capire.

E allora cominci a rispettare il tuo prossimo, cercando di non bere davanti a lui , di non offrire caramelle o gomme da masticare, e mangiare nei momenti in cui sei sola , per non offendere chi si priva di tutto ciò.
Se diventano irascibili e scortesi, prova a metterti nei loro panni!! io ho provato 3 giorni, poi ho mollato..
Non dobbiamo criticare, ma rispettare le loro usanze e tradizioni.
Hai mai partecipato ad una cena di Ramadan?? Fallo una sola volta e capirai perchè quando si avvicina l’ora del pasto a Sharm come in tutto resto dell’Egitto tutti spariscono dalle strade.. Io lo chiamo il Natale di Ramadan, una tavola imbandita di prelibatezze, carne, pasta, verdure dolci e succhi di frutta, datteri .. e porzioni enormi..e tutti mangiano velocemente in assoluto silenzio.
Credo che come ospite di questo paese, devo solo ammirare donne, uomini, e vecchi che non interrompono la loro vita perchè non bevono e non mangiano durante le ore di luce, ma si impegnano a rispettare la loro religione per essere vicini ad Allah.

Annunci

2 Responses to DA DOMANI AL 10 SETTEMBRE SI SVOLGE IL RAMADAN

  1. L’anno scorso sono stata invitata all’iftar, il pasto di “rottura” serale del digiuno, dove per tradizione vengono offerti un dolce ed energetico, ricco in datteri, noci e bevande calde, per reidratare e rinvigorire velocemente l’organismo. E’ stato veramente un momento di convivialità e di fratellanza.

  2. Pingback: DA DOMANI AL 10 SETTEMBRE SI SVOLGE IL RAMADAN « Il blog su Sharm … : Vacanze Egitto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: