NOTIZIE IN PILLOLE

Diving Center di Marsa Alam cerca receptionist

Pubblicato il 17/08/2010 alle ore 13:49

Compenso: da stabilire
Quartiere/zona: Egitto

L´azienda Coraya Divers e ´alla ricerca di una receptionist per il nostro diving center sito in Marsa Alam, Egitto.
Offriamo vitto e alloggio e contratto minimo di un anno.
Richiediamo eta´ compresa tra i 18 e i 30 anni, conoscenza della lingua inglese e francese a livello buono parlato e scritto, la conoscenza della lingua tedesca o russa a titolo preferenziale.
Pregasi astenersi senza requisiti.
Inviare il curriculum vitae in inglese con foto, i curriculum non in lingua inglese non verranno presi in considerazione

Contatti diretti: Coraya Divers Marsa Alam Egitto
Tel 0020107670808
info@coraya-divers.com

@@@@notizie dal web@@@@

L’Egitto punta su Sharm El-Sheikh e la rende green

Sharm El-Sheikh si tinge di verde. Il governo egiziano ha  varato nei giorni scorsi un piano volto al  rafforzamento della normativa sulla conservazione dell’ambiente a Sharm El-Sheikh, la più nota località turistica egiziana del Mar Rosso.
Il piano prevede investimenti  per iniziative dedicate alla protezione dell’ambiente e del paesaggio, in particolar modo della barriera corallina. Sharm El-Sheikh, in quanto principale centro turistico della penisola del Sinai, viene visitata ogni anno da milioni di turisti – soprattutto europei – ed è diventata il volano per l’economia delle località sul Mar Rosso. Per questo motivo,  l’espansione edilizia derivata da questa situazione,  unita al problema dell’impatto ambientale che milioni di turisti hanno sull’ambiente, rischia di devastare uno dei panorami e degli ecosistemi marini più importante del Nord Africa. Il problema più sentito è quello dello smaltimento dei rifiuti, che, da questo momento in avanti, dovrà avvenire nel rispetto delle più rigorose norme di salvaguardia ambientale. In questo senso gli investimenti e il nuovo paino varati dal governo egiziano, presieduto  dal primo ministro, Ahmed Nazif,  intendono imprimere un’impronta eco-sostenibile al turismo nella regione.

@@@@notizie dal web@@@@

Secondo Shenuda III, tutti i telefoni in Egitto sono potenzialmente sotto controllo

Il capo della chiesa copta egiziana, papa Shenuda III, secondo il quale qualsiasi telefono in Egitto può finire sotto controllo dei servizi di sicurezza, ha affermato al quotidiano Al-Masri Al-Youm: “Fate attenzione a non ammettere i vostri peccati al telefono perchè tutte le conversazioni telefoniche vengono registrate, altrimenti dovrete chiedere l’assoluzione alla polizia, dal carcere, invece che al vostro parroco”. Si è largamente diffusa l’abitudine tra i fedeli del papa di confessarsi al telefono. Molti infatti sono i religiosi copti emigrati in Europa o in America che continuerebbero a confessare i loro peccati al parroco in Egitto via telefono. Due anni fa Shenuda III aveva lanciato un allarme simile sulle confessioni on line: “Chiunque può riuscire a leggerle, a quel punto non sono più segrete”.

@@@@notizie dal web@@@@


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: