IL PROBLEMA DELLE DONNE VELATE IN OCCIDENTE

E’ stata denunciata dai passanti perché passeggiava per le vie di Chivasso (Torino) con il velo integrale. Una donna egiziana di 34 anni rischia una multa per violazione di una legge del ‘75 che vieta di circolare con il volto coperto.

La donna è regolare in Italia e stava passeggiando insieme al marito. A segnalarla alla pattuglia a piedi sono stati diversi passanti, che hanno indicato ai militari la direzione in cui era andata. L’egiziana, subito dopo il controllo, ha rimesso il velo e ha continuato il suo giro in centro. Ha dichiarato che medita di tornare in Egitto!!!! (Che dispiacere!!!)

Il fatto, avvenuto il 12 agosto, è punito con l’arresto da uno a sei mesi e con “l’ammenda da lire cinquantamila a lire duecentomila”, rivista in euro. I magistrati, guidati dal pubblico ministero Raffaele Guariniello, stanno esaminando la giurisprudenza. I precedenti non sono numerosi ma l’attenzione, per adesso, si è concentrata su una sentenza emessa dal Consiglio di Stato nel 2008. I supremi giudici amministrativi, chiamati a pronunciarsi su un’ordinanza del Comune di Azzano Decimo (Pordenone), esclusero che l’uso del velo violasse quell’articolo della legge “Reale”. E’ possibile, dunque, che non ci siano gli estremi per continuare l’azione penale. In ogni caso, il nome dell’egiziana è stato iscritto nel registro degli indagati. Da quanto si è appreso, possiede una carta di identità rilasciata dal Comune di Chivasso.

Sull’argomento si può dire tutto e il contrario di tutto!

Personalmente mentre non provo nessun fastidio nel vedere una donna velata che passeggia in Egitto, mi da fastidio che lo faccia in Italia! L’integrazione è un valore importante, ma andare a vivere in un altro paese e trincerarsi dietro un burka non credo sia un passo verso l’integrazione. Lo vedo come un passo verso l’imposizione. Se non ti stanno bene le leggi e le regole di un paese non andarci a vivere!

Purtroppo in Italia siamo troppo garantisti e accomodanti. Nessun italiano con un filo di sale in testa si permetterebbe analoghi atteggiamenti in Egitto. Ne ricaverebbe solo casini, e devo dire giustamente!

Mentre noi non osiamo neppure sbuffare al cantilenate richiamo del muezzin che con altoparlanti si impongo a volte in modo insopportabile, spesso e volentieri i musulmani che vengono in Italia sono infastiditi dalla nostra religione (vedasi ad esempio polemiche sui crocifissi nelle scuole!)

Però le regole dovrebbero essere uguali per tutti. E se una cosa non la possiamo fare noi italiani in Italia, per quale motivo dovrebbe essere concesso a stranieri?? Non lo trovo giusto! Anzi, trovo che cedere sia pericoloso e sbagliato.

E qui faccio due esempi che vogliono solo essere una provocazione, ma che secondo me fanno pensare.

Primo esempio: perchè io non posso andare in giro per le strade della città dove sono nato con un lenzuolo in testa?? Dopo pochi minuti verrei fermato. E non mi sognerei neppure di dare del razzista a chi mi ferma! Quindi per quale misterioso motivo deve essere permesso a cittadini di altri stati?? Come io rispetto loro nel loro paese, pretendo lo stesso rispetto quando loro vengono nel mio. E se non riescono a girare senza lenzuolo in testa….. beh, che non vengano in Italia! Semplice!

Secondo esempio: cosa succederebbe se 5000 cristiani decidessero di trovarsi a pregare tutti i martedì dalle 17.00 alle 18.00 sul marciapiede di una strada italiana impedendo ai negozi di lavorare, ai cittadini di andare e venire dalle loro case e sbandierando accuse di razzismo se vengono fermati e identificati? E allora per quale motivo si tollera che lo facciano i musulmani?? Non possiamo noi, non possono loro! Ma non per razzismo, per normali regole del vivere comune secondo le quali la tua libertà finisce dove comincia la mia! Molto semplice! E trovo ingiusto invocare l’intolleranza religiosa, non c’entra nulla!!!

E vogliamo esagerare? Cosa succederebbe se dei cristiani lo facessero in una strada del Cairo?? Meglio non pensarci. Altro che intolleranza religiosa!

E allora non confondiamo la tolleranza con la coglioneria: ci stiamo comportando da coglioni!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: