11.02.2011 LE DIMISSIONI DI MUBARAK: una data che entrerà nella storia

L'ORMAI EX PRESIDENTE EGIZIANO HOSNI MUBARAK

Nonostante questo blog non si occupi di politica, le dimissioni di Mubarak, dopo 30 anni di potere incontrastato non possono passsare sotto silenzio.

Ma il web, i giornali e chiunque abbia una bocca, oggi non parla di altro qui in Egitto e in buona parte del mondo.

Mi piace tuttavia centrare l’attenzione su una cosa che non ho ancora notato su nessun giornale: le dimissioni di Mubark sono avvenute il 11.02.2011 numero palindromo, ossia leggibile tanto da destra quanto da sinistra. Sicuramente i Maya o Nostradamus o qualche altro profeta o veggente avranno citato questa data come un momento fondamentale del nostro mondo

Personalmente ritengo le dimissioni di Mubarak un evento fondamentale nella nostra vita. Un giorno dal quale potranno avere origini grandi cambiamenti, una data fondamentale nella storia dei paesi arabi, ma in un mondo globalizzato anche nella storia della civiltà occidentale. L’Egitto fino ad oggi è stato un paese determinante nello scacchiere internazionale, l’Egitto controlla buona parte del trasporto di greggio a livello mondiale, gestendo il canale di Suez, l’Egitto è il paese moderato che è incuneato, non solo fisicamente, tra l’occidente e i paesi islamici.

Possiamo pensare quello che vogliamo sulle dimissioni di Mubarak, ma sicuramente le sue dimissioni rappresentano la fine di un periodo di relativa stabilità a livello mondiale. Auguriamoci tutti che chi andrà al potere nel paese delle piramidi, sappia prendere quanto di buono questo presidente ha fatto per la stabilità mondiale, evitando che l’Egitto venisse trascinato in sanguinose guerre e pericolose prese di posizione.

A questo proposito penso sia questo che il presidente Obama ha voluto intendere commentando le dimissioni di Mubarak:

Washington, 11 feb. (Adnkronos) – Le dimissioni di Hosny Mubarak ”non rappresentano la fine della transizione in Egitto, ma solamente l’inizio”. Lo ha affermato il Presidente americano, Barak Obama, sottolineando tuttavia che ”l’Egitto non è più lo stesso perchè a esprimersi sono stati gli egiziani”. ”Ci sono pochissimi momenti nella nostra vita in cui abbiamo il privilegio di assistere alla storia che si attua, questo è uno di questi momenti”, ha dichiarato Obama. ”Rassegnando le sue dimissioni, Mubarak ha risposto alla fame di cambiamento”, ha aggiunto, precisando che, se da un lato ”ci sono ancora molte domande senza risposta, ma sono fiducioso che gli egiziani sapranno trovarle”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: