E ADESSO NON ABBANDONATE IL SINAI

Tra tanti cartelli contro il presidente, ne spuntava uno che chiedeva: «Turisti per favore non ve ne andate».

Nelle ultime settimane, molti Paesi hanno sconsigliato ai propri cittadini di partire per la terra del Nilo e sono stati messi in atto piani di evacuazione per rimpatriare chi si trovava bloccato nel Paese. L’economia egiziana – in cui una persona su otto è impiegata nel settore turistico – non sta incassando bene il colpo. Nel 2009, i visitatori furono circa 12.5 milioni, l’industria del turismo era uno dei pilastri del prodotto interno lordo, di cui rappresentava 11 per cento. L’anno scorso, l’Egitto ha accolto quasi 15 milioni di visitatori internazionali, tra cui un milione di italiani. Oggi, invece, il settore perde otto milioni di euro alla settimana. La crisi ha raggiunto persino i grandi hotel su Mar Rosso, che negli ultimi giorni sono stati costretti a sospendere lo stipendio al 90% dei dipendenti. Le prenotazioni sono crollate, le strutture semivuote. E il futuro prossimo non sembra rassicurante. «L’Egitto è instabile – si legge in un resoconto pubblicato da Euromonitor International, società di analisi specializzata in viaggi e turismo –, i tour operator internazionali potrebbero decidere di diminuire i volume delle loro attività nel Paese, riconoscendo che c’è un certo grado d’incertezza e maggiori rischi associati rispetto alla Tunisia prima della rivoluzione del gelsomino». Parole che trovano conferma in quelle di Mark Reed, manager generale della Arabian Pacific, compagnia che organizza viaggi nella regione. «Attualmente non abbiamo nessuno in Egitto – dice il dirigente – e se ci arrivasse qualche richiesta, daremmo il nostro parere contrario. Se i disordini in corso persisteranno, la percezione del Paese nei potenziali turisti sarà quella di un luogo pericoloso, non certo di un paradiso da vacanza.»

ORA NON AVETE MOTIVI PER NON VENIRE A SHARM!

A questo punto, le dimissioni del Presidente Mubarak, dovrebbero aver stabilizzato la situazione.
Chi vive in questo splendido angolo del mondo si aspetta che i turisti tornino rapidamente, per recuperare i gravi danni che ci sono comunque stati! Non tanto gli europei, ma i ragazzi che a migliaia sopportano di vivere lontano dalle famiglie solo per mandare qualche pound a casa a fine mese! Il Sinai garantisce la sopravvivenza a migliaia di famiglie residenti al Cairo che vivono delle rimesse di chi in Sinai lavora percependo uno stipendio dignitoso secondo gli standard egiziani. In Sinai non è mai successo nulla, anche perchè chi in Sinai ci vive e ci lavora non ha alcun interesse a far precipitare la situazione. E’ ora di prenotare una vacanza in Mar Rosso, è ora di dare un segnale forte, di fare un vero applauso all’Egitto che in pochi giorni è riuscito a rovesciare un regime al potere da trent’anni. L’Egitto sta dimostrando di meritare la democrazia, il turismo, la fiducia degli occidentali!

Annunci

3 Responses to E ADESSO NON ABBANDONATE IL SINAI

  1. Pingback: E ADESSO NON ABBANDONATE IL SINAI « Egittiamo "Blog sull'Egitto e … : Vacanze Mar Rosso

  2. MAX says:

    Sono dello stesso parere infatti io ho una prenotazione che aspetta conferma da parte del Turchese per il 21-2
    ( che mi e’ già stata rinviata di 7gg, dovevo partire il 14-2 ), che nonostante la disponibilità del tour operator a restituirmi l’intero importo pagato, ho preferito aspettare la prima data utile per recarmi cmq a Sharm dando massima fiducia al popolo Egiziano ed alla loro voglia di tornare alla normalità.

  3. BEN DETTO! Lo condivido subito su FB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: