UNA FOTO AL GIORNO: LE PIRAMIDI DALLO SPAZIO

Una delle poche opere dell’uomo visibili dallo spazio, sono le Piramidi della piana di Giza!

Ma vi siete mai chiesti come potrebbero vedere gli extraterrestri queste sbalorditive costruzioni??

Clicca più volte sull’immagine, fino a vederla in alta risoluzione! E’ impressionante!!!

Le Piramidi della piana di Giza viste dallo spazio

4° CLASSIFICATO: IL TRAMONTO DALLA PIANA DI GIZA

Rientra nella classifica dei 10 tramonti più belli del mondo
quello visibile dalla piana di Giza!

Il tramonto egiziano si è classificato al quarto posto, battuto nell’ordine da Santorini, Taj Mahal e Parco del Serengheti.
Se vuoi vedere i 10 tramonti più belli, clicca qui

UNA FOTO AL GIORNO

Egitto, Mastaba
La Mastaba a gradini di Saqqara,
monumento funebre di re Zoser della III dinastia,
è costituita da sei gradini rientranti di due metri ciascuno,
raggiunge un’altezza di oltre 56 metri

 

PRESTO VERRANNO APERTE AL PUBBLICO ALTRE PIRAMIDI

Una visita obbligatoria per i turisti di tutto il mondo è l’Egitto, terra del Nilo, dei  faraoni e  delle piramidi.  Sono numerose  le piramidi che si trovano  in questo  territorio,  disseminate qua e là alle quali è  possibile accedere.

Presto saranno visitabili non solo le famose piramidi di Giza e Saqqara, ma saranno aperte  al pubblico una serie di piramidi alle quali  non si  poteva  accedere in  precedenza. Si fa  riferimento a quelle che si trovano ad Abusir e nella zona di Dahshur, dove si è sviluppata un’ampia necropoli reale, sulla riva occidentale del Nilo a solo 40 chilometri a sud de Il Cairo.

Le  piramidi  di questa  zona sono state edificate in un periodo anteriore  a quello della costruzione delle piramidi della piana di Giza. Queste piramidi, visitabili dalla fine dell’anno, sono quelle  costruite durante la quarta dinastia dal 2613 al 2494 a.C. . Di questa epoca sono quelle di Acodada, Rossa, Meidum e di  Seila. In particolare Acodada  è  ritenuta una di quelle meglio conservate dell’antico Egitto.

Con 105 metri d’altezza la  sua caratteristica  principale è la  doppia  pendenza, prodotta da  un cambiamento di impianto  durante la sua costruzione: ha  due  entrate  indipendenti,  una per ciascuna  delle  due camere  funerarie. Questi passaggi saranno  aperti  a partire da dicembre. Esiste anche  un terzo passaggio, che va dall’ Acodada ad un’altra piramide più  piccola nella quale avrebbe riposato, secondo la tradizione, il  faraone Seneferu e  si credeva che il  motivo  fosse il consentire le  visite coniugali dopo  la morte. Un altro dato interessante è che nel lato  orientale esiste un piccolo tempio  funerario per le offerte.

La Piramide rossa  è già aperta  al pubblico ed ha  la particolarità  di essere la prima al  mondo con forma triangolare, ed è  considerata  la terza più  grande con 104 metri d’altezza.

A NOVEMBRE IN EGITTO CON GLI EGITTOLOGI

Dal 15 al 23  novembre hai la possibilità di visitare l’Egitto accompagnando degli egittologi.
Organizzatore del viaggio è Diego Baratono, studioso di egittologia, e autore del trattato “Le abbazie e i segreti delle Piramidi”. Da una decina di anni ha avanzato l’ipotesi che esista una seconda Sfinge rivolta al tramonto del sole (quella esistente è rivolta a guardare il suo sorgere)

A supporto di questa sua teoria la stele di Tutmosi IV che vede due sfingi rivolte in opposte direzioni Immagine a lato)

Interessanti anche le sue teorie secondo le quali le piramidi furono costruite grazie a dei terrapieni.

EGITTO

L’Egitto dei Faraoni e di Alessandro Magno
Un affascinante viaggio lungo il Nilo della civiltà faraonica

( Luxor, Karnak, Abu Simbel, la Valle dei Re …) sino al Cairo e alla piana di Giza

Con le imponenti Piramidi e la Sfinge misteriosa… terminando con Alessandria, Faro della cultura del mondo ellenistico-romano. Con la partecipazione straordinaria del Dott Diego Baratono studioso e ricercatore appassionato dei misteri del mondo egizio

Con la partecipazione della Prof.ssa Gabriella Malaguti

Per informazioni dettagliate e per prenotazioni, il link di seguito riportato ti connette direttamente al blog di Diego Baratono e in particolare alla pagina descrittiva del viaggio. Avrai così la possibilità di leggere gli articoli da lui redatti, avvicinarti a comprendere le sue teorie e lo stile del personaggio

Se decidi di vivere questa avventura non dimenticarti di regalare la tua testimonianza a questo piccolo blog al tuo ritorno

ECCO IL LINK

UN LIBRO SOTTO L’OMBRELLONE: IL MISTERO DI ORIONE DI R. BAUVAL

Le piramidi d’Egitto, una delle sette meraviglie del mondo antico, uno dei più grandi enigmi della nostra storia.
Perché gli Egizi le costruirono?
Perché così imponenti e con tale precisione tecnica?
Perché sparse nel deserto?
Dopo dieci anni trascorsi a studiare i Testi delle piramidi, Robert Bauval ha individuato la chiave d’interpretazione del progetto che è alla base della costruzione delle piramidi, svelando così un mistero rimasto sepolto per migliaia di anni. Se non conosci ancora le teorie di Bauval nel post di seguito puoi seguire un bel documentario trasmesso su Voyager

IL DIO OSIRIDE ERA UN ALIENO? I MISTERI DEL KGB IN EGITTO

In piena Guerra Fredda, un gruppo di scienziati russi, sotto la copertura del KGB, si recò a Giza per effettuare alcuni studi sulle piramidi. Anche loro pervennero alla conclusione della corrispondenza dell’allineamento delle piramidi con le stelle della cintura di Orione. Anche loro retrodatarono la costruzione delle piramidi al 10.500 a.C.
Ma pare che i russi abbiano ritrovato all’interno della grande piramide la mummia di un alieno. E sembra che abbiano ritrovato la leggendaria camera della conoscenza, nella quale sono custoditi i segreti che ci hanno lasciato i visitatori provenuti dalla spazio.
Quanto c’è di vero? L’unica cosa certa è che le piramidi non finiscono mai di stupire e di dar vita a storie e leggende assolutamente appassionanti!